Monthly Archives: settembre 2014

Immigrazione, la “furba” Italia tra due fuochi: il diktat della Ue e l’ammonimento delle associazioni umanitarie

Lo scontro cova da sempre sotto la cenere. Da una parte la visione securitaria, dall’altra quella umanitaria  ell’accoglienza ai profughi.

Immigrati, 40mila vittime dal 2000 nel mondo

ansa – Più di 3mila solo quest’anno nel Mediterraneo, denuncia rapporto
Dall’inizio del 2014 nel mondo almeno 4.077 persone hanno perso la vita mentre tentavano di migrare via terra e via mare, fino a 3.072 nel solo Mediterraneo. Lo rivela lo studio “Fatal Journeys: Tracking Lives lost during Migration” reso noto a Ginevra dall’Organizzazione mondiale delle migrazioni (Oim). Dal 2000, sono almeno 40.000 le persone morte nel mondo mentre tentavano di migrare. Ma il vero bilancio è probabilmente più alto, poiché molti incidenti avvengono in aree isolate.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Virata dittatoriale del Presidente somalo

Shukri Said – Primavera Africana – Ieri è stata superata, sia pure solo formalmente, una delle più gravi crisi della pur brevissima storia (appena due anni) della Repubblica Federale somala con un apparente passo indietro del Presidente della Repubblica Federale Hassan Sheikh Mohamud in ossequio alle parole del Presidente del Parlamento Mohamed Osman Jowari.

Immigrazione, dramma sulle coste libiche. Unhcr: “600 morti in tre giorni”

repubblica.it – La portavoce Sami: “È un bollettino di guerra”. Oim: “500 vittime a largo di Malta la settimana scorsa”. Ieri un barcone con 250 persone è affondato a poche miglia da Tajoura, a est di Tripoli. Più di duemila migranti salvati nello Stretto di Sicilia

Immigrazione, nuova tragedia in mare: affonda un battello, morti e dispersi

Un battello con un numero imprecisato di migranti è naufragato a 300 miglia a Sud-Est di Malta, in acque internazionali di competenza de La Valletta per leoperazioni di ricerca e soccorso. Sarebbero stati recuperati tre cadaveri e sette superstiti, tra i quali due bambini, ma i dispersi sarebbero almeno 30.

Somalia, donne e ragazzine affamate e in cerca di medicinali vengono stuprate dai militari della “Missione di pace”

Lo denuncia un rapporto di Human Rights Watch (HRW) diffuso oggi. “I Paesi che forniscono truppe e mezzi militari, l’Unione Africana (UA), oltre che i donatori di AMISOM devono urgentemente affrontare questi abusi e rafforzare le procedure interne in Somalia per fare giustizia”