Main Menu

narratore-di-vita

 

Ultima Fermata Trieste

Viaggio nel Silos, il girone dei richiedenti asilo arrivati lungo la rotta balcanica. Sono centinaia, in completo stato di abbandono, e ogni giorno aumentano. Le storie e le accuse: “Li tengono li ammassati per dare il senso dell’invasione”. Scarica e Leggi l’articolo di Repubblica >


Naufragio nel Mediterraneo, si rovescia un gommone: annegano 61 migranti.

L’imbarcazione partita dalla Libia era stata avvistata da due velivoli Frontex. I 25 superstiti riportati in Libia da un rimorchiatore. La notizia è confermata dall’Oim, l’organizzazione internazionale dei migranti: “Un naufragio al largo della Libia ha provocato 61 morti, tutti annegati. Tra loro anche donne e bambini. I migranti erano partiti in 86 da Zwara – twitta il portavoce Flavio Di Giacomo – sono oltre 2250 le persone che hanno perso la vita nel Mediterraneo centrale quest’anno. Un numero drammatico che purtroppo dimostra che non si fa abbastanza per salvareRead More


“Minori migranti detenuti illegalmente e in condizioni inumane”: la Corte europea dei diritti umani condanna l’Italia

La Corte europea per i Diritti umani ha condannato l’Italia per avere detenuto illegalmente nell’hotspot di Taranto molti minori stranieri non accompagnati, ma anche per avere utilizzato trattamenti inumani e degradanti nel predisporre le loro misure di accoglienza, per non avere nominato un tutore né avere fornito a questi minori alcun tipo di informazione sulla possibilità di contrastare in giudizio tale condizione. La condanna è arrivata il 23 novembre e fa riferimento alla situazione del 2017. A preoccupare, però, è che la situazione attuale non è affatto cambiata. In Puglia,Read More


Rotta balcanica, Piantedosi lancia le brigate antimigranti

A margine del trilaterale a Trieste il 2 novembre scorso, il ministro snocciola i numeri dei respingimenti dopo la sospensione di Schengen. E annuncia: quando i controlli alle frontiere finiranno, il governo vuole istituire “brigate miste” (di polizia). Dove? Con chi? E con quale mandato? Nell’edizione del 20 ottobre dell’Unità avevo esaminato la misura di ripristino dei controlli alle frontiere interne deciso dall’Italia al confine italo-sloveno mettendo in rilievo come tale decisione fosse in contrasto con quanto disposto dal Codice Schengen. Su questo il Codice prevede la possibilità di un temporaneo ripristino dei controlliRead More


Il garante dei detenuti: “Manette e botte prima dei rimpatri”. Le violenze contro i migranti nei Cpr

«Se pisci là, ti diamo legnate». E ancora: fascette per legare mani e piedi, segni di violenze sul corpo certificate da medici stranieri. Condizioni di salute durante i trasferimenti spesso precarie, mancanza di procedure e regolamentazioni chiare a tutela dei migranti ma anche degli operatori di sicurezza. Come si vive nei Cpr, i Centri di permanenza per i rimpatri attorno ai quali il governo Meloni ha deciso di far girare la politica dell’immigrazione, è da tempo denunciato dalle associazioni e da quei pochi che riescono a visitarli: sporcizia, degrado, mancato riconoscimento deiRead More


Sul cupo video-manifesto ideologico di Giorgia Meloni. Che sogna la fine dell’Europa

Il 15 settembre la presidente del Consiglio ha pubblicato sui social un intervento intriso di falsità e luoghi comuni sulla “emergenza immigrazione”. L’obiettivo è rovesciare la realtà, cancellare i richiedenti asilo e trasformare il divieto di respingimento nell’illegale diritto di farlo. Un modello di società pericoloso. Il primo aspetto che colpisce nel terribile discorso della presidente del Consiglio Giorgia Meloni diffuso via social la sera di venerdì 15 settembre è la sua stessa impostazione: il video va all’ora di cena dello spettatore che vede un salone elegante nel quale domina il giallo, il coloreRead More